Import latte condensato e evaporato
POST

Latte evaporato, il latte condensato senza zuccheri

Dagli elevati principi nutritivi, il latte evaporato è molto utilizzato dai musulmani per nutrirsi durante il Ramadan

Il latte evaporato è come il latte condensato, ma senza l’aggiunta finale di zuccheri. Il ciclo di preparazione è lo stesso, con un’unica differenza: il latte evaporato prima viene omogeneizzato (procedimento che, in pratica, frantuma i grassi per favorirne la digeribilità), poi lo si fa evaporare riscaldandolo a una temperatura moderata per evitare la caramellizzazione degli zuccheri, infine viene sterilizzato.

L’acqua evapora

Si conserva più a lungo e occupa meno spazio

Attraverso questo processo, si ha una parziale sottrazione di acqua (fino al 60%), a cui consegue una riduzione del volume iniziale con aumento della conservabilità e di una certa praticità d’uso. Come accade per il latte condensato – ma anche per quello in polvere – il latte evaporato è molto utilizzato in quei Paesi in cui c’è carenza di latte fresco, ad esempio a causa di guerre o catastrofi naturali, come provvista d’emergenza. Già nel 1880 viaggiava in lungo e in largo per il continente africano negli zaini dei minatori che restavano lontani per settimane da casa.

Il latte evaporato si usa per tè, caffè, dolci…

E in più conserva i suoi nutrienti

Il latte evaporato si usa normalmente in cucina per la produzione e la guarnizione di dolci (come i churros nei paesi latini), per macchiare tè e caffè, per fare la panna, il gelato e, allungato con acqua, per ottenere latte liquido. Rispetto al latte condensato, decisamente sciropposo, il latte evaporato ha una consistenza più fluida. Anche il latte condensato è molto utilizzato per fare dolci e, grazie agli elevati principi nutritivi, è uno degli alimenti più consumati dai fedeli musulmani dopo il tramonto durante il periodo di digiuno del Ramadan.

Prelibatezze con il latte condensato

Guinness punch e kulfi

In Irlanda e in Giamaica, ma anche in alcuni paesi africani come Nigeria, Ghana e Camerun, c’è chi ama dissetarsi con il Guinness punch, un cocktail di birra Guinness stout, spezie e latte condensato con l’aggiunta di polvere di cacao che serve a contrastare il gusto un po’ amaro tipico della birra. In India, infine, c’è il kulfi, il gelato locale privo di uova a base di latte condensato e panna.

Una dolce novità

il latte condensato al cacao 

Da poco è arrivato in commercio anche il latte condensato al cacao. E' ideale in decine di preparazioni in cucina: dal semplice topping goloso di un gelato o un pancake alla sofisticata e molto contemporanea glassatura a specchio delle torte; dai dolci al cucchiaio al frozen yogurt senza dimenticare di certo la dolcificazione del caffè che prenderà così anche una leggera nota di cacao.