radice di zenzero
POST

Radice di zenzero, il rimedio millenario

Dall’Oriente all’Occidente, è apprezzata per le sue proprietà salutistiche.

L’origine della radice di zenzero risale all’Asia orientale, ma ormai è diffusa in tutti e cinque i continenti. Rinomato per le sue proprietà utili per la salute, lo zenzero (Zingiber Officinalis) è coltivato nella fascia tropicale e subtropicale.

L’aspetto è quello di una canna con grossi rizomi (ovvero fusti sotterranei) tuberosi, molto aromatici e dal profumo canforato. Dalla radice di zenzero deriva una droga dal gradevole sapore pungente usata nella produzione di frutta candita, confetture e dolci (come il pain d’epice, il pane speziato dei paesi nordeuropei), ma anche in liquoreria e persino nell’industria della birra.

Già i Greci e i Romani, che importavano la radice di zenzero dal Mar Rosso, ne conoscevano le proprietà medicinali, ma la consacrazione dello zenzero nel mondo occidentale arriva nel Medioevo. La Santa Ildegarda, badessa di Bingen (Germania), mistica ed erborista dell’XI secolo, consigliava, infatti, di bere vino allo zenzero per favorire la vitalità nei convalescenti e negli anziani.

In tutto l’Oriente, ancora oggi il rizoma viene candito e servito come dolce, mentre in Thailandia la tradizione vuole che si applichino impacchi di radice di zenzero per trattare i disturbi circolatori, in virtù del suo potere energizzante.

Sembra che per avere muscoli più resistenti al dolore sia d’aiuto consumare almeno due grammi di zenzero ogni giorno. Le proprietà antidolorifiche della spezia, inoltre, sono utili per alleviare i dolori dovuti alla pratica di sport.